Recensione “La ragazza di Brooklyn” – Guillaume Musso

Buongiorno lettori, ho deciso di condividere con voi la mia opinione su altri due libri di Guillaume Musso che ho letto prima di aprire questo blog. Ma procediamo con ordine: per il momento vi intrattengo con La Ragazza di Brooklyn, uno degli ultimi romanzi pubblicati dall’autore.Il 22 giugno infatti è uscito il nuovo romanzo Un appartamento a Parigi e conoscendomi finirà dritto dritto nella mia wishlist!

la ragazza di brooklinLa ragazza di Brooklyn

di Guillaume Musso

TRAMARaphael – un giovane scrittore di successo, ora in crisi creativa, e ragazzo padre – da sei mesi ha una relazione con Anna. Anna è bella, dolce, intelligente, eppure nasconde qualcosa. Durante un weekend d’amore in Costa Azzurra, a sole tre settimane dal loro matrimonio, Raphael non riesce a trattenersi e, con insistenza, chiede ad Anna dettagli sul suo passato. Anna, esasperata, mostra a Raphael un’immagine dalla galleria fotografica del suo tablet, urlando: “Vedi questo? L’ho fatto io.” Raphael inorridisce alla vista di quella immagine e fugge via. Un gesto di cui subito si pente. Ma al suo ritorno, Anna non è più lì. Raphael la cerca sul cellulare, che risulta spento. Torna a Parigi, dove spera di ritrovarla, ma Anna non è a Parigi. Raphael la ama, è pronto a perdonarle tutto. Ma deve ritrovarla. Chiede aiuto a un suo amico, ex poliziotto, Marc Caradec. Insieme perquisiscono la casa di Anna, ma il buio diventa ancora più profondo, e il mistero sempre più denso: nell’appartamento trovano 400.000 euro in contanti e due carte di identità false. Dunque Anna, forse, non è Anna; e le reticenze di Anna sulla propria vita non erano senza motivi; e quell’immagine, spaventosa, rimane, per Raphael, una delle poche tracce da seguire, per scoprire la verità sulla persona che ama.

 

Se volete acquistare il libro potete farlo da qui QUI 


Recensione

Come tutti i romanzi di Musso che ho letto fino ad ora, anche questo l’ho finito nel giro di poco tempo, complice il fatto che la scrittura dell’autore non si smentisce mai: fluida e con un ritmo sempre incalzante.

La ragazza di Brooklyn rientra nel genere dei romanzi thriller e si discosta dalla scrittura precedente dell’autore (vedi romanzi come La ragazza di Carta), ma non per questo risulta essere meno interessante, anzi! L’autore ha abbandonato il soprannaturale per calarsi completamente nella realtà senza alcun artificio.


Grazie al ritmo avvincente e serrato ci ritroviamo immersi nella storia già dalle prime pagine e la curiosità cresce man mano che si prosegue con la lettura. Come Raphael, anche la nostra testa si affolla di domande: Chi è Anna? Perchè ha cambiato nome? Da chi scappa? Qual’è il suo segreto? Cosa si nasconde nel suo passato? Tutte queste domande costringono a volerne sapere di più, incollandoti letteralmente al libro in maniera da poter dissipare ogni tuo dubbio. E quando credi finalmente di essere arrivato al bandolo matassa e aver capito come sono andate le cose, ecco che compare l’ennesimo colpo di scena a sconvolgere tutto. 

Insieme a Raphael e Marc seguiamo il loro percorso alla ricerca della verità, attraverso indizi e rivelazioni che man mano ci portano a scoprire verità sconvolgenti, ad un passato brutale e a morti improvvise e all’apparenza inspiegabili.

Il merito di questo coinvolgimento così intenso con la lettura va dato sicuramente alla costruzione della storia e dei personaggi: Musso scrive alternando il racconto in prima e terza persona, così come utilizza diverse angolazioni per raccontarci la storia; ci ritroviamo così a seguire prima i pensieri di Rapahel, poi quelli di Marc ed anche quelli di Anna. Abbiamo così modo di conoscere meglio i nostri protagonisti, entrare in empatia con loro e mantenere viva la nostra attenzione nel corso di tutta la storia.
Unica pecca di questo romanzo a parer mio è il finale un po’ troppo eccessivo: ha cercato di spiazzare nuovamente il lettore con l’ennesimo colpo di scena buttando altra carne sul fuoco e rimescolando nuovamente tutte le carte in tavola, creando però poi delle coincidenze troppo forzate nel tentativo di far quadrare tutte le tessere del puzzle.

Nonostante questo resta una lettura leggera e piacevole che può accompagnarvi in ogni momento della giornata.

Una lettura consigliata per chi cerca un romanzo pieno di adrenalina e colpi di scena, dove tensione e sentimenti si intrecciano in continuazione tenendovi incollati alle pagine del libro.

✪✪✪✪✫


 I romanzi di Guillaume Musso

  • Skidamarink, 2001
  • L’uomo che credeva di non avere più tempo, 2004
  • La donna che non poteva essere qui, 2005
  • Chi ama torna sempre indietro, 2006
  • Quando si ama non scende mai la notte, 2007
  • Ti vengo a cercare, 2008
  • Perchè l’amore qualche volta ha paura, 2010 
  • La ragazza di carta, 2011
  • Il richiamo dell’angelo, 2012
  • Sette anni senza di te, 2012
  • Aspettando domani, 2014
  • Central Park, 2014
  • L’istant present, 2015
  • La ragazza di Brooklyn, 2016
  • Un appartamento a Parigi, 2017

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...