News in libreria #2

Buonasera amici lettori, in questo venerdi sera un po’ freddino vorrei proporvi alcuni titoli di libri che sono usciti in questi ultimi giorni e che hanno attirato la mia attenzione. Le mie scelte sono differenti sia per genere che per trama. Ho scelto di porre alla vostra attenzione La moglie imperfetta di B.A. Paris e La bambina che guardava i treni partire di Ruperto Long.

news 2 ritagliato


61b20-9788842930501_0_0_0_80

La moglie imperfetta

di B.A. Paris

TRAMA:A chi puoi credere, se non puoi fidarti
neanche di te stessa?

A chiunque ogni tanto capita di non ricordare dove siano le chiavi di casa o dove ha parcheggiato la macchina, o magari di dimenticare un appuntamento con un’amica. Chiunque non farebbe caso a simili sciocchezze. Per Cass Anderson, invece, è diverso. Ogni minimo deragliamento della memoria potrebbe essere un sintomo preciso: demenza precoce, la malattia che ha colpito la madre diversi anni prima. Ecco perché, adesso, Cass sta vivendo un incubo. Una sera di pioggia, tornando a casa, ha superato un’auto ferma sul ciglio della strada. All’interno c’era una donna, ma lei non si è fermata ad aiutarla. Poi la mattina seguente ha scoperto dai telegiornali che quella donna è stata assassinata. Esattamente dove lei l’aveva incrociata. E, subito, ai sensi di colpa si aggiunge l’angoscia di aver visto qualcosa che non avrebbe dovuto vedere. Come spiegare le telefonate mute che ha cominciato a ricevere proprio da quella mattina, se non come una velata minaccia? E perché anche quando è in casa ha così spesso la sensazione di essere osservata? Cass è terrorizzata perché non ricorda nessun dettaglio significativo riguardo quella sera. Purtroppo, però, da qualche giorno non si ricorda nemmeno come funziona la lavatrice, se ha preso o no le sue pillole, se uno dei coltelli in cucina avesse una strana macchia sulla lama, come di sangue… L’unico che potrebbe aiutarla a non impazzire e a capire cosa stia succedendo è suo marito, Matthew, che però le appare ogni giorno più distante e distaccato, quasi fosse il primo a essere certo che non ci sia niente da fare, che la malattia sta prendendo il sopravvento. E anche Cass ormai se ne sta convincendo. Un pomeriggio, però, proprio nel garage di casa fa una scoperta che cambia tutto…

Se volete acquistare il libro potete farlo da QUI


la-bambina-che-guardava-i-treni-partire_9403_x1000La bambina che guardava i treni partire

di Ruperto Long

TRAMA:Francia, 1940. La guerra è ormai alle porte e i Wins, famiglia ebrea di origine polacca, rischiano di essere deportati. Alter, lo zio, è partito per la Polonia nel tentativo di salvare i suoi familiari, ma è stato preso e rinchiuso nel ghetto di Konskie. Il padre della piccola Charlotte vuole evitare che la sua famiglia subisca lo stesso destino, così si procura dei documenti falsi per raggiungere Parigi. Ma dopo soli quarantanove giorni si rende conto che la capitale non è più sicura e trasferisce tutti a Lione, sotto il governo collaborazionista di Vichy. Charlotte a volte esce di casa, e davanti ai binari guarda passare i treni carichi di ebrei deportati. Ben presto suo padre realizza che nemmeno Lione è il posto giusto per sfuggire alle persecuzioni e paga degli uomini affinché li aiutino a raggiungere la Svizzera. Un viaggio molto pericoloso, perché durante un incidente la famiglia Wins si troverà molto vicina alla linea nazista… Una fuga senza sosta, di città in città, per scampare al pericolo, sostenuta dalla volontà ferrea di un padre di salvare a tutti costi i propri cari. Ai vertici delle classifiche di vendita, vincitore del premio Libro de Oro, La bambina che guardava i treni partire ha commosso il mondo.

Se volete potete acquistare il libro QUI

Perchè’ ho scelto questi due libri? Ora ve lo spiego. Il primo l’ho puntato da molto tempo e ad essere sincera lo attendevo quasi con ansia. Ho avuto modo di leggere il primo romanzo di Paris, La coppia perfetta e devo ammettere che ero rimasta molto colpita dalla scrittura e dal thriller in sè. Mi ricordo che sono rimasta quasi ipnotizzata dal libro e non riuscivo a staccarmene. con uno stato di ansia perenne continuavo a leggere in attesa di arrivare alla fine del libro. Quindi appena ho scoperto l’uscita di un secondo romanzo non ho potuto fare a meno di segnarmi la data di uscita ed aggiungerlo alla mia wish list. 🙂

La bambina che guardava i treni partire invece l’ho scelto soprattutto per la trama: mi piaccioni i romanzi tratti da storie vere e mi piace leggere testimonianze di storia, anche se parlano di un passato che verrebbe quasi voglia di dimenticare. Ma la lettura della memoria mi ha sempre affascinato e credo abbia diritto di essere tramandata, quindi ogni volta che mi capita sotto gli occhi un romanzo come questo non posso fare a meno di segnarlo e aggiungerlo all’elenco.

Cosa ne pensate? Voi li leggereste?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...