Recensione “Arabesque” – Alessia Gazzola

Buonasera amici lettori, questa settimana è praticamente volata e sono davvero molto soddisfatta, soprattutto per le letture che mi stanno capitando sotto mano. Il 13 è uscito l’ultimo romanzo di Alessia Gazzola, che vede come protagonista la nostra amata Alice Allevi e non ho potuto fare a meno di accantonare per qualche giorno il libro che stavo leggendo per fiondarmi in questo nuovo capitolo della serie.


arabesqueArabesque

Alessia Gazzola

TRAMA: Tutto è cambiato, per Alice Allevi: è un mondo nuovo quello che la attende fuori dall’Istituto di Medicina Legale in cui ha trascorso anni complicati ma, a loro modo, felici. Alice infatti non è più una specializzanda, ma è a pieno titolo una Specialista in Medicina Legale. E la luminosa (forse) e accidentata (quasi sicuramente) avventura della libera professione la attende. Ma la libertà tanto desiderata ha un sapore dolce amaro: di nuovo single dopo una lunga storia d’amore, Alice teme di perdere i suoi punti di riferimento. Tutti tranne uno: l’affascinante e intrattabile Claudio Conforti, detto CC, medico legale di comprovata professionalità e rinomata spietatezza. Quando le capita il suo primo incarico di consulenza per un magistrato, Alice si rimbocca le maniche e sfodera il meglio di sé. Al centro del caso c’è una donna di 45 anni, un tempo étoile della Scala e oggi proprietaria di una scuola di danza. In apparenza è deceduta per cause naturali. Eppure, Alice ha i suoi sospetti e per quanto vorrebbe che le cose, per una volta almeno, fossero semplici, la realtà è sempre pronta a disattenderla. Perché, grazie alla sua sensibilità e al suo intuito, Alice inizia a scoprire inquietanti segreti nel passato della donna, legati all’universo – tanto affascinante quanto spietato e competitivo – del balletto classico…

TITOLO: Arabesque
AUTORE: Alessia Gazzola
EDITORE: Longanesi
DATA DI PUBBLICAZIONE: 13 novembre 2017
PAGINE: 350

Se volete acquistare il libro potete farlo da QUI


Recensione

Siamo giunti al settimo capitolo della serie di romanzi che vedono come protagonista Alice Allevi e la prima cosa che salta sicuramente all’occhio è la profonda crescita sia del personaggio che dell’autrice stessa. Per chi ha avuto modo di leggere e scoprire i romanzi precedenti noterà sicuramente questo salto di qualità e ne rimarrà piacevolmente soddisfatto.

Siamo sempre a Roma e Alice si sta preparando ad affrontare l’esame per essere ammessa al dottorato di medicina legale: ormai non è più un’allieva ma è una specializzanda in medicina legale. Alice è cresciuta ed è pronta per una nuova avventura: entrare nel mondo della libera professione, con tutte le aspettative e le paure che da esse derivano. Da ora in poi Alice lavorerà da sola, senza nessuno al suo fianco, con la paura di sbagliare ma allo stesso tempo con la voglia di dare il meglio di sé e fare bene. In questo ultimo capitolo notiamo proprio la crescita della protagonista, una crescita sia dal punto di vista professionale che dal punto di vista personale. Se nei primi romanzi avevamo conosciuto ed amato l’Alice goffa ed alle prime armi con la medicina legale, che aveva scelto di dedicarsi allo studio delle scienze forensi più per un interesse verso il dottor Conforti piuttosto che per un vero e proprio amore per la medicina, l’Alice di questo romanzo è un’Alice diversa, più matura. Ora è una donna a tutti gli effetti, capace di prendersi le proprie responsabilità, puntuale e attenta sul lavoro, disposta ad entrare in conflitto con CC pur di far valere le sue idee e posizioni. Da timida, insicura e impacciata ora è pronta a dimostrare tutte le sue capacità e abilità.

Ma non è solo Alice ad aver subito un processo di miglioramento e di crescita: lo stesso si può dire dell’autrice. La Gazzola in questo romanzo si è superata e ho davvero gradito la lettura di questo libro. L’intera storia è stata costruita in maniera pressoché impeccabile: al centro del caso c’è una donna di 45 anni, proprietaria di una scuola di danza. Tutti pensano che sia deceduta per cause naturali, ma Alice, alla quale è stato affidata la consulenza per stabilire le cause del decesso, nutre dei sospetti e grazie al suo intuito e alla sua caparbietà, porterà a galla dei segreti sepolti all’interno della scuola di danza. E proprio grazie alla scuola di danza che notiamo la crescita della Gazzola: dietro al romanzo notiamo il profondo studio fatto sul mondo della danza da parte dell’autrice, studio che ha permesso di creare uno scenario perfetto per lo svolgimento della storia. La costruzione della scuola di danza e dell’intero mondo del balletto è molto accurato e preciso; notiamo questa attenzione in ogni dove: dalla semplice descrizione della scuola ma anche nello sviluppo dei caratteri e dei modi di fare dei personaggi che gravitano in questo mondo. Si nota in maniera non indifferente lo sforzo fatto dall’autrice ed il risultato è stato davvero molto apprezzato.

Il giallo, che è sicuramente preponderante all’interno della storia è strutturato con precisione e non lascia niente al caso. Ad esso si amalgama, senza passare in secondo piano, il continuo tira e molla tra Alice ed il dottor Conforti. In questo capitolo della serie Alice non ha più il cuore diviso tra due uomini e (finalmente!) Arthur è stato relegato in un cassetto dell’armadio. Abbiamo modo di conoscere Alice e CC fuori dalle mura dell’istituto, nei panni non di due medici legali, ma di due persone con pensieri diametralmente opposti sull’amore e sulle relazioni di coppia. Scopriremo un nuovo lato di CC a noi poco noto: abituati a vederlo nei panni del medico cinico e freddo, ci farà sorridere in questa nuova versione: un Conforti più bravo con i gesti che non con le parole, che cercherà di mettersi i gioco per la nostra protagonista.

Il finale ahimé lascia tutto in sospeso ed il futuro non sembra poi così roseo. Cosa riserverà il futuro ad Alice Allevi? Non ci resta che armarci di pazienza ed aspettare l’uscita del prossimo capitolo.

✪✪✪✪✫


Romanzi di Alessia Gazzola (serie l’Allieva)

  • L’allieva, 2011
  • Sindrome da cuore in sospeso, 2012
  • Un segreto non è per sempre, 2012
  • Le ossa della principessa, 2014
  • Una lunga estate crudele, 2015
  • Un po’ di follia in primavera, 2016
  • Arabesque, 2017

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...