Recensione “La piccola Parigi” – Alessandro Tonoli

Buonasera amici lettori, come promesso rieccomi di nuovo qui a tenervi compagnia con una nuova recensione: settimana scorsa ho letto davvero molti libri ma il tempo per recensirli non l’ho proprio trovato! Colgo l’occasione, con questa mia recensione, per aprire una nuova sezione del blog, dedicata agli autori emergenti: come prima esperienza sono contenta che mi sia capitata tra le mani una vera chicca.


copertina-piccola-parigi-6bisLa piccola Parigi

Alessandro Tonoli

TRAMA: Una città, un racconto misterioso e una bambina di cui nessuno ha mai saputo il nome.
Ecco cosa si cela dietro Cabiate e il suo essere chiamata dai suoi abitanti “La piccola Parigi”, per un motivo che però nessuno sembra ricordare. Forse solo il nonno di Chiara ha, nascosta nel suo passato, la chiave per svelare la natura di questo incantesimo che ora, forse, sta per essere finalmente rivelato.

TITOLO: La piccola Parigi
AUTORE: Alessandro Tonoli
EDITORE: GWMAX
DATA DI PUBBLICAZIONE: 12 giugno 2015
PAGINE: 60

Se volete acquistare il libro potete farlo da QUI


Recensione

Questo racconto breve si svolge a Cabiate, un piccolo comune in provincia di Como. Qui, Chiara, una bambina come tante altre, una volta finita la giornata a scuola, si sistema comoda comoda in attesa di ascoltare cosa ha da raccontagli suo nonno Francesco. Suo nonno, come da sempre fanno tutti i nonni da generazioni e generazioni, ha sempre molte cose da raccontare, ma oggi è un giorno un po’ speciale e il racconto che Chiara sta per ascoltare vale proprio la pena di essere narrato. Quindi accomodiamoci anche noi insieme alla piccola Chiara e perdiamoci nel racconto meraviglioso che nonno Francesco è pronto a cominciare.

Il racconto del nonno vede come protagonista una bambina, che molto tempo fa, in un giorno uguale a molti altri, fece la sua misteriosa apparizione nella piccola città di Cabiate: col suo vestito rosso ed i nastrini di sicuro non passava inosservata. In paese tutti si chiedevano chi fosse e da dove venisse, ma queste domande rimanevano perennemente senza una risposta. Dopo un po’ iniziarono a chiamarla “La piccola Parigi” a causa di un sogno che la bambina cercava in tutti i modi di realizzare. Non voglio svelavi molto altro della trama poiché, essendo un racconto molto breve, finirei per rovinarvi la sorpresa e a bellezza di immergervi in questo racconto.

Vi basti sapere che, nonostante sia molto breve e si legga molto velocemente, in questo racconto vengono trattati diversi temi: si passa dal credere nei propri sogni ad ogni costo, all’amore che è capace di vincere su tutto, anche sulla morte. Il tutto viene narrato con molta delicatezza e con una profonda dolcezza, cosa che ho davvero apprezzato. Lo stile narrativo, davvero ricco di punteggiatura, accompagna le nostre emozioni ed è ben calibrato con quello che si sta leggendo.

Non mi resta molto altro da aggiungere, se non che sono rimasta piacevolmente colpita dalla potenza di questo piccolo racconto, capace di risvegliare desideri sepolti negli angoli più reconditi della mente. In poche pagine l’autore è riuscito a riaccendere la miccia del non arrendersi di fronte alle avversità, sempre con molto tatto. Se avete voglia di sognare un po’ e ascoltare anche voi cosa ha da raccontarvi nonno Francesco, non vi resta che scoprirlo in questo libro. Alla prossima!

✪✪✪✫✫


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...