Recensione “Illuminae” – Amie Kaufman, Jay Kristoff

Buon pomeriggio lettori! Come ve la passate? Io credo di essere entrata in quel periodo dell’anno in cui le mie pile hanno raggiunto il livello zero di carica…sono completamente esausta…! Non vedo l’ora di staccare un po’ la spina e riposarmi nel vero senso della parola. Detto questo, dopo una serie di libri che non mi hanno proprio preso, vuoi per la trama, vuoi per come erano scritti, finalmente sono tornata a leggere un libro davvero bello e soprattutto fuori da comune. Direi che PARTICOLARE sia il termine adatto per descrivere questo libro.


ILLUMINAEIlluminae

Amie Kaufman, Jay Kristoff

TRAMA: Quel giorno, quando si è svegliata, Kady pensava che rompere con Ezra sarebbe stata la cosa più difficile da affrontare. Poche ore dopo il suo pianeta è stato invaso. Anno 2575: il cielo di Kerenza, un pianeta poco più grande di un granello di sabbia coperto di ghiaccio e sperduto nell’universo, si oscura all’improvviso. Tra le esplosioni e le urla degli abitanti terrorizzati, una squadra d’assalto della… una potente corporation interstellare, dà inizio all’invasione. Ed Ezra e Kady, che si rivolgono a malapena la parola, sono costretti a cercare insieme una via di fuga. Alcuni giorni dopo, però, un mortale… mutante inizia a diffondersi a bordo di una delle navi sulle quali si trovano i due ragazzi e gli altri superstiti. Come se non bastasse, AIDAN, l’intelligenza artificiale che dovrebbe… pare essersi trasformato nel nemico. E nessuno dei militari incaricati delle operazioni di salvataggio sembra intenzionato a spiegare ciò che sta accadendo. Quando Kady riesce ad accedere a… strettamente riservate, le è subito chiaro che l’unica persona che può aiutarla è anche l’unica con la quale pensava non avrebbe più avuto nulla a che fare.

TITOLO: Illuminae. Illuminae file 01
AUTORE: Amie Kaufman, Jay Kristoff
EDITORE: Mondadori
DATA DI PUBBLICAZIONE: 18 ottobre 2016
PAGINE: 599

Se volete acquistare il libro potete farlo da QUI


Recensione

Ho girato intorno a questo libro per tanto tempo..l’avevo adocchiato appena uscito nelle librerie lo scorso anno: come si poteva non notare la sua copertina arancione? Era un faro in mezzo a tanti altri libri. E io, come molti altri ne ero rimasta incuriosita: l’avevo preso in mano, l’avevo un po’ sfogliato e con somma tristezza avevo deciso di rimandare l’acquisto, complice soprattutto il prezzo non proprio economico. E così ho fatto passare un mese, poi due, poi cinque, poi dieci…praticamente un anno prima di decidermi a far diventare questo libro mio! E in questo anno ho avuto modo di leggere un sacco di recensioni di lettori entusiasti di questo libro, che ne raccontavano faville a destra e a manca… e io continuavo a rimanere a casetta mia senza l’agognato libro, leggendo altri libri in arretrato. Ma, con l’uscita del secondo romanzo della serie, non ho saputo proprio più resistere e, complice uno sconticino accumulato alla mia libreria di fiducia, ho fatto il colpaccio e mi sono portata a casa il primo volume ed anche il secondo!

Come vi scrivevo all’inizio di questo post, Illuminae è un libro davvero particolare, che ti colpisce appena i tuoi occhi si posano sulla sua copertina. Una copertina spettacolare, che nasconde al di sotto di essa una seconda copertina, altrettanto sorprendente. Questo è sicuramente il primo libro di fantascienza che decido di comprare e leggere di mia spontanea volontà. Non sono un’amante del genere, preferisco dedicarmi ad altro, ma questa volta mi è scattata come una molla che mi convinto a fare questo grande salto nel buio, e per fortuna devo dire di non esserne rimasta affatto delusa, anzi!

La trama del romanzo è abbastanza semplice. Ci troviamo in un futuro lontano: il pianeta Kerenza è stato attaccato dalla corporazione della Beitech. Su questo pianeta vivevano Ezra e Kady, due giovani che riescono a sfuggire all’attacco insieme ad altri abitanti e vengono messi in salvo dalla navi spaziali Alexander, Hypatia e Copernicus. I due ragazzi, insieme agli altri esuli partono alla volta di un punto di salto che li porterà in salvo dagli inseguitori e gli darà modo di testimoniare quello che è accaduto sul pianeta Kerenza. Ma la fuga verso la salvezza non si rivelerà affatto facile: la Beitech ha rilasciato un morbo che fa letteralmente impazzire chiunque ne entri in contatto e allo stesso tempo l’intelligenza artificiale della Alexander, AIDAN sembra ribellarsi contro i suoi stessi creatori, quasi come se fosse diventata una coscienza pensante.

La forza di questo romanzo secondo me non risiede tanto nella trama, ma piuttosto è da ricercarsi nella sua struttura alquanto atipica: l’intero romanzo si compone di un’alternanza di voci che raccontano quello che è accaduto dal giorno dell’attacco a Kerenza. Ci troviamo di fronte ad una ricostruzione degli eventi realizzata attraverso immagini, file, trascrizioni, lettere criptate e pensieri personali dei vari personaggi. La grafica poi secondo me dona quel surplus al libro che ti fa accettare anche il costo un tantino elevato. Ci sono pagine stampate di una bellezza straordinaria, che lasciano il lettore basito di fronte a tanto estro e creatività.

Se lo stile del romanzo e la sua struttura fuori dal comune hanno stuzzicato il mio interesse, devo lanciare sicuramente un altro punto a favore di questo libro. E la lancia a favore scatta grazie alla presenza di due personaggi in particolare, che avrete secondo me modo di amare all’interno del romanzo: Kady e AIDAN. Kady è una ragazza tosta, temeraria, capace di non mollare mai, anche quando la situazione sembra precipitare all’inverosimile. Ho adorato la sua forza, la sua tenacia, mi è piaciuta dall’inizio alla fine del libro. Nonostante la sua corazza avremo modo di conoscere il suo io più profondo, i suoi sogni e i suoi segreti, grazie alle sue pagine di diario. Kady è un personaggio completo, uno di quei personaggi per il quale ti ritrovi a fare il tifo pagina dopo pagina, che ti fanno piangere e trattenere il fiato…è semplicemente WOW. E poi c’e AIDAN, un personaggio che oserei definire controverso. Ho fatto fatica ad apprezzarlo all’inizio del libro, ma poi è diventata una presenza imprescindibile all’interno delle pagine e mi sono ritrovata a dover rivedere il mio punto di vista. Ho adorato come gli autori hanno dato voce a questa intelligenza artificiale, una macchina che ci stupirà con le sue decisioni e ci farà scendere anche qualche lacrima. Mi sono arrabbiata con AIDAN, e non poco, ma ho avuto anche modo di sorridere ed emozionarmi.

Non mi resta molto altro da aggiungere. Illuminae è un libro che merita di essere preso in considerazione nelle proprie letture. Un libro diverso dal solito ma che secondo me incuriosisce proprio per la sua atipicità.

Piccola postilla per chi avesse già letto il libro: avete notato i nomi inseriti all’interno della lista dei civili del Copernicus? Gli autori non hanno lasciato proprio niente al caso.

✪✪✪✪✪


Romanzi di Amie Kaufman, Jay Kristoff (Illuminae file serie)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...