Recensione “Il grande Gatsby” – Francis Scott Fitzgerald

Buona sera lettori! Come procede la vostra settimana? In questa serata uggiosa vorrei tenervi compagnia con un classico della letteratura americana: Il grande Gatsby di Francis Scott Fitzgerald. Ho un’infinità di classici che attendono solo che io mi decida a tirarli fuori dallo scaffale della mia libreria ma, ogni volta che devo iniziare una nuova lettura, mi dedico a titoli più recenti…chiedo venia!

Ma oggi, con questa mia recensione, inizio finalmente a sfoltire un po’ la TBR della mia rubrica Matrioska, ovvero la rubrica in cui vi segnalo i libri che compaiono in altri romanzi, libri che i nostri protagonisti hanno amato o hanno odiato per un motivo o piutto un altro. Il grande Gatsby ho avuto modo di incrociarlo all’interno di Io e te come un romanzo di Cath Crowley: i protagonisti di questa storia si scambiavano messaggi attraverso lettere lasciate all’interno di libri per loro importanti, ed uno di questi era proprio l’opera di Fitzgerald.


IL GRANDE GATSBYIl grande Gatsby

Francis Scott Fitzgerald

TRAMA: Il grande Gatsby ovvero l’età del jazz: luci, party, belle auto e vestiti da cocktail, ma dietro la tenerezza della notte si cela la sua oscurità, la sua durezza, il senso di solitudine con il quale può strangolare anche la vita più promettente. Il giovane Nick Carraway, voce narrante del romanzo, si trasferisce a New York nell’estate del 1922. Affitta una casa nella prestigiosa e sognante Long Island, brulicante di nuovi ricchi disperatamente impegnati a festeggiarsi a vicenda. Un vicino di casa colpisce Nick in modo particolare: si tratta di un misterioso Jay Gatsby, che abita in una casa smisurata e vistosa, riempiendola ogni sabato sera di invitati alle sue stravaganti feste. Eppure vive in una disperata solitudine e si innamorerà insensatamente della cugina sposata di Nick, Daisy… Il mito americano si decompone pagina dopo pagina, mantenendo tutto lo sfavillio di facciata ma mostrando anche il ventre molle della sua fragilità. Proprio come andava accadendo allo stesso Fitzgerald, ex casanova ed ex alcolizzato alle prese con il mistero di un’esistenza ormai votata alla dissoluzione finale.

TITOLO: Il grande Gatsby

AUTORE: Francis Scott Fitzgerald

EDITORE: Feltrinelli

DATA DI PUBBLICAZIONE: 08 Maggio 2013

PAGINE: 230

Se volete acquistare il libro potete farlo da QUI


Recensione

“Tutte le volte che ti viene da criticare qualcuno” mi ha detto ” ricordati che non tutti a questo mondo hanno avuto i vantaggi che hai avuto tu”

Ogni volta che leggo un classico e mi ritrovo poi a dover scrivere la mia opinione in merito, preferisco lasciar passare qualche giorno prima di sedermi davanti al pc e condividere con voi il mio pensiero. Mi concedo il tempo che serve per pensare, per far sedimentare quello che ho appena finito di leggere, senza lasciarmi condizionare dalle prime impressioni che, a caldo, potrebbero trarmi in inganno. Ed anche per l’opera probabilmente più famosa di Fitzgerald ho lasciato che i giorni mi mostrassero un sacco di sfaccettature che ad una prima lettura non ero stata in grado di comprendere appieno.

Lio narrante di questa storia è un aspirante scrittore di nome Nick Carraway; un trentenne che nei primi anni venti si trasferisce a West Egg, nella zona dove vivono i nuovi ricchi della grande mela. Nick, uomo solitario, acuto, ma soprattutto, un grande osservatore, ci racconta la storia di Jay Gatsby, un uomo enigmatico nonché il suo vicino di casa. E proprio attraverso gli occhi di Nick conosceremo la vita di questuomo, che in gioventù ha amato alla follia la giovane Daisy, donna bellissima ma allo stesso tempo inarrivabile, e che in seguito ha speso tutta la sua vita, ha utilizzato tutte le sue forze e le sue energie per trovare riscatto davanti ad i suoi occhi.

Se ci fermiamo solo al primo “livello” di lettura, quella che ci viene proposta è una semplice storia d’amore, tutt’altro che originale: abbiamo un protagonista che si innamora perdutamente di una donna irraggiungibile: lui povero, lei benestante: una storia che difficilmente riuscirà a decollare, un amore quasi impossibile. Ma se si scava leggermente più a fondo ci troviamo di fronte ad una storia completamente diversa che fonda le sue basi sulla solitudine e l’indifferenza dell’uomo e della società.

In questo romanzo l’emblema del sogno americano viene completamente eclissato: in una società vuota e cinica, dove conta più l’apparire che l’essere, non c’è più spazio per il romanticismo ne tanto meno per personaggi come Gatsby, capaci di scalare intere montagne solo per poter rivedere il loro unico e grande amore.

Ho apprezzato la caratterizzazione dei personaggi presenti nel romanzo: la penna di Fitzgerald è riuscita, attraverso pochi tratti, a caratterizzare un’intera società costantemente legata alle frivolezze della vita ed alle sue banalità. Non ho fatto fatica ad immaginarmi le innumerevoli feste organizzate a casa di Jay, tutta apparenza e poca sostanza. Personaggi privi di carattere e personalità, tutti uguali, come tanti manichini comandati dallo stesso burattinaio. E da questa mischia informe spicca Gatsby: lui le regole non le segue, lui spicca dalla massa, lui ha uno scopo da perseguire.

Devo ammettere di aver fatto solo un po’ di fatica durante la lettura: in alcuni momenti mi sembrava non stesse accadendo nulla, come se la storia fosse completamente ferma. Ma a parte questa piccola pecca il libro si legge tranquillamente, grazie anche ad uno stile fluido e chiaro.

Mi sento di consigliare il libro a tutti quelli che hanno voglia di fare un salto nella New York degli anni venti, nelle sue feste, nei suoi balli…ma mi raccomando, non lasciatevi ingannare…è tutta apparenza.

✪✪✪✪✫


Romanzi di Francis Scott Fitzgerald

  • Il grande Gatsby
  • Tutti i giovani tristi
  • Tenera è la notte
  • La sveglia
  • L’età del Jazz
  • I racconti di Pat Hobby
  • Gli ultimi fuochi
  • I racconti di Basil e Josephine
  • Temperature
  • I’d Die for You. And Other Lost Stories

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...