Recensione “Sempre d’amore si tratta” – Susanna Casciani

Buon mercoledì! Settimana ricca di post e di recensioni questa qui. Anche oggi vi lascio la mia opinione su un libro piccino piccino ma ricco di emozioni che ho letto settimana scorsa. Sto parlando di Sempre d’amore si tratta di Susanna Casciani.


sempre d'amore si trattaSempre d’amore si tratta

Susanna Casciani

TRAMA: «Bisogna prendersi cura dei doni come se fossero piccoli fiori selvatici: sbocciano senza il nostro aiuto, ma dobbiamo fare attenzione a non calpestarli, a non maltrattarli». E la piccola Livia di doni ne ha eccome. Come si fa a non accorgersene? Lei è una che quando si muove assomiglia a una nuvola trascinata dal vento, capace di rendere più colorato tutto quello che tocca. È timidissima, parla poco, però sorride a tutti. E poi ama scrivere, perché farlo la fa sentire diversa, nel senso di speciale, come se nelle sue vene al posto del sangue scorressero le parole. È un cuore puro il suo, e fragile, e per questo avrebbe bisogno di essere accudito e protetto. Però si sa, le stelle, le stesse alle quali Livia bambina si rivolge sommessamente tutte le sere, seduta sul terrazzo di casa, molto spesso si fanno gli affari loro e non sempre hanno voglia di guardare giù, di ascoltarci. Infatti, a un certo punto, nella vita di Livia accade qualcosa che le inceppa il cuore. Coll’aggravarsi della depressione della madre, tutto per lei diventa faticoso, difficile. Ragazzina sognatrice e poi giovane donna, Livia cerca comunque di spiccare il volo ma, quasi fosse una farfalla con un’ala di seta e una di piombo, non fa che sbattere da tutte le parti rovinando puntualmente al suolo. Così, caduta dopo caduta, sfinita da un amore – quello per la mamma malata – che si ciba della parte migliore di lei, inizia a non fare più caso alle piccole magie che accadono ogni giorno e finisce per rassegnarsi a lasciare andare tutti i suoi sogni. Quel che non sa è che l’amore è più potente di qualsiasi delusione e sa farsi largo anche tra le macerie di una vita che odora di terra bruciata come la sua. «Sempre d’amore si tratta» racconta la storia di Livia, dall’infanzia all’età adulta. E lo fa attraverso lo sguardo delle tante persone che, in momenti diversi, ne incrociano la strada, anche solo per poche preziose ore. Tante istantanee capaci di tratteggiare con precisione l’esistenza di una singola persona ma al contempo di raccontare anche un po’ di tutti noi, di quanto sia difficile accogliere l’amore nella nostra vita, prendercene cura, proteggerlo e quanto sia spesso più facile, piuttosto, fuggirlo, maltrattarlo o convincersi di poterne fare a meno.

TITOLO: Sempre d’amore si tratta

AUTORE: Susanna Casciani

EDITORE: Mondadori

DATA DI PUBBLICAZIONE: 3 Aprile 2018

PAGINE: 163

Se volete acquistare il libro potete farlo da QUI


Recensione

“Se c’è una cosa che ho imparato è che per scuotere un cuore che ha sofferto ci vuole il doppio dell’amore che ha perso.”

Sempre d’amore si tratta, secondo romanzo di Susanna Casciani, racchiude dentro di sé un intero mondo.

La prima cosa che salta all’occhio è sicuramente la copertina di questo piccolo libro, che a prima vista può apparire tenero e romantico: una casetta con un cuore che sbuca dal camino. Ma dopo la prima impressione ci accorgiamo subito che il cuore è formato da tanti piccoli spilli, immagine perfetta per esprimere quello che è racchiuso all’interno delle pagine.

La protagonista di questo romanzo è Livia, una ragazza la cui madre è affetta da depressione. Impariamo a conoscerla e vederla crescere attraverso gli occhi di chi le sta intorno. Come se ci trovassimo di fronte a tante immagini scattate una dopo l’altra nel corso della sua vita dove, ogni singola persona che ha avuto modo di entrare in contatto con lei (per poche ore oppure da una vita intera), ci lascia il suo ricordo. E così, attraverso gli occhi di tutte queste persone, che in un modo o nell’altro, hanno dimostrato il proprio amore nei confronti di Livia, la vediamo prima bambina, poi ragazza ed infine donna, con i suoi sogni e desideri che mutano e cambiano insieme a lei.

Una domanda che mi è sorta spontanea leggendo questo libro è stata Quanti tipi di amore esistono? Attraverso la lettura di questo romanzo, così intenso ma allo stesso tempo delicato, riusciamo sicuramente a trovare innumerevoli risposte. Ci troviamo di fronte ad un amore fatto di gesti, di parole, di sguardi, ma anche di silenzi; un amore dalle mille mila sfaccettature ma che il più delle volte scorre via senza quasi lasciare traccia, come se fosse invisibile. E proprio a quest’amore invisibile, ai quei gesti all’apparenza inutili, che si da voce in questo romanzo. Perché l’amore si compone di tante sfaccettature che tutte, in un modo o nell’altro arrivano al cuore.

Altra tematica affrontata all’interno del romanzo è quella della depressione. L’intero argomento viene affrontato con un linguaggio semplice, nonostante il tema sia davvero forte. La scelta di lasciare una scrittura chiara e lineare ha fatto sì che il messaggio che voleva trasmettere l’autrice arrivasse forte e chiaro. Sempre d’amore si tratta permette, con le sue parole, di capire, di avvicinarci e comprendere un po’ di più le persone affette da questa malattia e le drammatiche conseguenze sull’equilibrio e sulla vita delle persone che gli stanno intorno.

L’autrice riesce a far immedesimare il lettore nei propri personaggi, come se fossimo noi stessi ad essere quelle persone accanto alla protagonista Livia. Ed è quasi impossibile non riuscire ad entrare in empatia con lei. Ci sono tante piccole sfumature di Livia che la rendono inevitabilmente simile a noi: il suo cinismo, la sua mancanza di fiducia nella vita e negli altri, la sua idea di non essere in grado di offrire amore. Tanti piccoli elementi che ci mostrano la sua fragilità, ma che in fondo si trovano nascosti in ognuno di noi.

In conclusione, un libro davvero molto profondo, capace di scatenare innumerevoli emozioni pagina dopo pagina; un romanzo che ti costringe a prendere in mano la matita e sottolineare un passaggio dopo l’altro, a fermarsi per far sedimentare le parole, a rileggere intere pagine perché ricche di significato. Insomma, un libro che merita di essere vissuto fino in fondo!

“La magia non ha a che fare con le streghe e con i libri di incantesimi e non è vero che non esiste come dicono in tanti. La magia esiste eccome e si trova nei piccoli gesti gentili che le persone certe volte decidono di compiere”.

✪✪✪✪✪


Romanzi di Susanna Casciani

  • Meglio soffrire che mettere in ripostiglio il cuore, 2016
  • Sempre d’amore si tratta, 2018

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...