Recensione “Artemis” – Andy Weir

Buon giovedì lettori! Come è andata la vostra giornata? Avete visto che finalmente è uscito il sole? Non ne potevo più dei temporali continui ogni giorno. Questa sera vi tengo compagnia con un libro che ho terminato di leggere proprio ieri mattina: e per questa volta vi porto nello spazio, più precisamente su Artemis, la prima città sulla Luna!


8058065_2847148Artemis

Andy Weir

TRAMA: Jazz Bashara è una criminale. O qualcosa di molto simile. La vita su Artemis – la prima città costruita sulla Luna – può essere davvero difficile a meno di non essere molto ricchi. Ma Jazz non ha un sostanzioso conto in banca e si deve barcamenare tra piccole truffe e contrabbandi occasionali, visto che con il suo stipendio ufficiale riesce a malapena a pagare l’affitto e deve saldare i debiti accumulati. Così, quando le si presenta l’opportunità di mettere a segno un grosso colpo che le consentirebbe di sistemarsi una volta per tutte, Jazz, nonostante gli evidenti rischi, decide di non tirarsi indietro. La ricompensa è una cifra da capogiro, ma l’impresa si rivela più pericolosa del previsto. Jazz si ritrova invischiata in una spirale di intrighi e cospirazioni letali. E a quel punto la sua unica possibilità di salvezza sarà rischiare il tutto per tutto, anche sapendo che la posta in gioco è il destino stesso di Artemis..

TITOLO: Artemis

AUTORE: Andy Weir

EDITORE: Newton Compton Editori

DATA DI PUBBLICAZIONE: 16 Novembre 2017

PAGINE: 382

Se volete acquistare il libro potete farlo da QUI


Recensione

Piccolo flop nel mondo della fantascienza, o almeno per me. Premetto di non essere proprio un’amante del genere fantascientifico e quindi, ho iniziato questa lettura con un sacco di pregiudizi e preconcetti, con la vana speranza che la lettura invece mi facesse in qualche modo ricredere; purtroppo non è andata così. Quella che si è palesata davanti è stata una lettura sì piacevole ma poco convincente.

Jazz fa la contrabbandiera su Artemis, la prima città costruita sulla Luna. In questa piccola comunità dove tutti conoscono i segreti di tutti è difficile farsi strada e farsi valere, ma soprattutto è difficile sopravvivere se non si è abbastanza ricchi. E la protagonista del romanzo lo sa bene; quindi, quando le si palesa davanti agli occhi la possibilità di compiere un grande colpo che la potrebbe far diventare ricca da un giorno all’altro non si tira indietro, anche se, non sa minimamente in quale pericolo si sta andando a cacciare.

Jazz è uno di quei protagonisti che o si odia o si ama, non ci sono vie di mezzo, e io purtroppo mi sono ritrovata in quella metà che proprio non è riuscita ad entrare minimamente in empatia con lei. L’ho trovata arrogante, arrivista e senza il minimo briciolo di onestà: una ragazza che se ne frega di tutto e tutti, molto sopra le righe e in più di un’occasione irritante. Non sono proprio riuscita ad instaurare il minimo legame con lei, salvo ricredermi in parte solo nel finale quando è riuscita a mostrare un briciolo di coraggio ed a guadagnare qualche punticino di fronte al mio giudizio ormai compromesso.

Altra nota dolente (una delle tante), l’ambientazione: l’intero romanzo si dovrebbe svolgere in questa immaginaria città sulla luna. Dico dovrebbe perché di descrizioni su questa città l’intero romanzo ne risulta privo; salvo qualche indicazione sporadica qua e la tra le pagine del libro, non ci viene raccontato molto su Artemis ed il lettore deve compiere un enorme sforzo con la fantasia per poter minimamente immaginare questo posto spettacolare (a detta di Jazz). L’insieme delle descrizioni delle ambientazioni io le ho trovate futili; se non ci fossero stati i continui rimandi alla differenza di gravità ed alla mancanza di ossigeno, l’intera storia si sarebbe potuta svolgere tranquillamente anche sulla Terra!

L’intero libro nel complesso si legge velocemente e scorre senza particolari intoppi, salvo varie digressioni su tecnicismi e procedure varie, che non hanno fatto altro che rallentare la lettura ma che, probabilmente, per gli amanti del genere faranno apprezzare il libro molto di più rispetto che alla sottoscritta. Alcune dinamiche della trama le ho trovate banali ed un po’ scontate: man mano che leggevo mi immaginavo già cosa sarebbe potuto succedere e, nel 99% dei casi, appena giravo pagina capitava proprio quello che avevo previsto; non proprio il massimo insomma!

Non mi sento di bocciare completamente questo romanzo, anche perché non essendo il genere di letture abituali, faccio molta fatica ad apprezzarlo. Però tutto sommato, vari problemi sopracitati a parte, Artemis è una lettura piacevole, leggera e sicuramente poco pretenziosa. Quindi se cercate qualcosa di non troppo pesante e avete voglia di fare un salto sulla Luna questo libro fa per voi; e chissà, magari riuscirete ad apprezzarlo più di me! 😉

✪✪✫✫✫


Romanzi di Andy Weir

  • Sopravvissuto – The Martian, 2014
  • Artemis – la prima città sulla luna, 2017

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...