Recensione “Il sole a mezzanotte” – Trish Cook

IL SOLE A MEZZANOTTEIl sole a mezzanotte

Trish Cook

TRAMA: Katie Price ha diciassette anni e una rara malattia che le impedisce di rimanere anche un solo secondo sotto la luce diretta del sole. Farlo le costerebbe la vita. Solo al tramonto il mondo di Katie le si dischiude davanti: con la sua chitarra esce da casa e si mette a suonare ovunque, a cantare le sue canzoni negli angoli della città, anche alla stazione dei treni, per tutti i viaggiatori che vanno e vengono. E lì una sera Charlie Reed incrocia la sua strada, proprio lui, la sua “cotta tremenda”, l’ex atleta del liceo di cui Katie è innamorata da dieci anni in gran segreto, senza mai aver avuto l’occasione di poterlo incontrare e frequentare. Perché tutto nella vita, per chiunque tranne che per lei, succede al calore del sole. Ma questo incontro cambierà il destino di Katie, di Charlie e quello delle persone attorno a loro, per sempre. Perché per innamorarsi bisogna essere avventati, ma per lasciarsi amare ci vuole coraggio.

TITOLO: Il sole a mezzanotte
AUTORE: Trish Cook
EDITORE: Fabbri
DATA DI PUBBLICAZIONE: 13 Marzo 2018
PAGINE: 205

Se volete acquistare il libro potete farlo da QUI


Recensione

“Faccio una promessa a me stessa: assaporerò ogni minuscola parte di ciò che il mondo ha da offrire e non sarò prigioniera della mia malattia neanche un giorno di più”

Katie ha diciassette anni e all’apparenza potrebbe sembrare una ragazza come tante. Invece Katie ha una malattia rara che la costringe e rimanere in casa dall’alba al tramonto: l’esposizione al sole per lei potrebbe essere letale. Così, il mondo di questa ragazza si dischiude solo di notte quando, chitarra in mano esce di casa ed inizia a suonare ovunque, portando le sue canzoni e la sua musica agli angoli della città. Il suo posto preferito è la stazione dei treni, dove può esprimere il suo talento davanti a tutti i viaggiatori che passano lungo le banchine, ignari della sua malattia. Ed è proprio alla stazione che una sera Katie incontrerà Charlie Reed, vicino di casa ed ex-atleta del liceo, nonché il ragazzo per il quale Katie ha una cotta spropositata da più di dieci anni.

Ho letto questo libro tutto d’un fiato. Nonostante sia già uscita la trasposizione cinematografica tratta da questo romanzo, ho preferito non lasciarmi condizionare e leggere invece quello che aveva da raccontarmi l’autrice. Il romanzo, pur nella sua brevità riesce a narrarci una storia ricca, completa e scritta magistralmente. Il tema affrontato, quello della malattia rara, è un tema difficile da raccontare, ma viene trattato con la giusta dose di conoscenza e delicatezza. L’autrice è riuscita, con il giusto livello di tatto, a portarci all’interno del mondo di Katie e della sua famiglia, a mostrarci tutte le difficoltà di chi è costretto a convivere ogni giorno con una malattia così poco conosciuta e, allo stesso tempo a sensibilizzare noi lettori nei confronti della XP. L’ xerodema pigmentoso (xp) è infatti una malattia per la quale chi ne è affetto non può esporsi alla luce diretta dei raggi solari, se non si vuole correre il rischio di risvegliare il can che dorme nel proprio corpo. Una malattia che porta l’organismo ad un lento ed inesorabile declino contro il quale non esistono ancora delle cure. Una malattia che colpisce un individuo su un milione, una malattia rara, una malattia incurabile.

Ed al centro di questa bolla di dolore troviamo Katie e suo padre. Devo ammettere che più della storia d’amore tra i due giovani (travolgente, limpida e bella), ho apprezzato e sono rimasta molto colpita dal rapporto tra padre e figlia. Per Katie suo padre è il suo unico punto di riferimento, la sua ancora, la sua spalla su cui piangere, il suo sguardo sul mondo, il suo tutto. Ed anche per il padre della nostra protagonista lei è il centro del suo universo. Il loro rapporto è davvero speciale e, nonostante Katie sia nella fase ribelle (vuole uscire e fare le stesse cose che fanno i suoi coetanei), traspare tra le pagine il profondo legame che li lega. Un rapporto fatto di alti e bassi ma indissolubile. Quello che ci viene mostrato è un padre che ha voltato l’intera sua esistenza per il bene della figlia: una vita fatta di accorgimenti, premure ma anche di divieti; ogni azione è volta al solo scopo di poter vedere sorridere un giorno in più la sua piccola Katie.

E poi abbiamo Katie, il centro di tutto il romanzo. Del suo personaggio ho adorato ogni singola sfaccettatura ma, sopra ogni cosa, ho apprezzato la sua forza di volontà. Nonostante sia ben consapevole che le sue aspettative di vita non siano altissime, quella che ci troviamo di fronte è una ragazza che decide di vivere completamente tutto quello che la vita è pronta ad offrirle. Un personaggio forte, nonostante le difficoltà, con uno sguardo sempre volto al bicchiere mezzo pieno. Una ragazza dinamica e piena di voglia di vivere nonostante tutto.

A questo si aggiunge uno stile molto diretto e chiaro, perfettamente adatto a quello che ci viene raccontato. L’autrice usa un linguaggio molto lineare e semplice ma non ricade mai nel banale. Uno stile che non ha bisogno di fronzoli per stuzzicare le corde giuste.

Un romanzo che vi farà scoprire ed apprezzare le piccole cose che ci capitano giorno dopo giorno, che vi farà amare la vita e che vi farà riflettere sulle cose che contano davvero. Un romanzo intenso che saprà regalarvi un sacco di emozioni


Romanzi di Trish Cook

  • Il sole a mezzanotte, 2018

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...