Recensione “So che un giorno tornerai” – Luca Bianchini

31aNE2OKNOL._SX333_BO1,204,203,200_
So che un giorno tornerai

Luca Bianchini

TRAMA: Angela non ha ancora vent’anni quando diventa madre, una mattina a Trieste alla fine degli anni Sessanta. Pasquale, il suo grande amore, è un “jeansinaro” calabrese, un mercante di jeans, affascinante e già sposato. Lui le ha fatto una promessa: “Se sarà maschio, lo riconoscerò”. Angela fa tutti gli scongiuri del caso ma nasce una femmina: Emma. Pasquale fugge immediatamente dalle sue responsabilità, lasciando Angela crescere la bambina da sola insieme alla sua famiglia numerosa e sgangherata. I Pipan sono capitanati da un nonno che rimpiange il dominio austriaco, una nonna che prepara le zuppe e quattro zii: uno serio, un playboy e due gemelli diversi che si alternano a fare da babysitter a Emma. Lei sarà la figlia di tutti e di nessuno e crescerà così, libera e anticonformista, come la Trieste in cui vive, in quella terra di confine tra cielo e mare, Italia e Jugoslavia. Fino al giorno in cui deciderà di mettersi sulle tracce di suo padre, e per lui questa sarà l’occasione per rivedere Angela, che non ha mai dimenticato.

TITOLO: So che un giorno tornerai
AUTORE: Luca Bianchini
EDITORE: Mondadori
DATA DI PUBBLICAZIONE: 02 Ottobre 2018
PAGINE: 264

Se volete acquistare il libro potete farlo da QUI


Recensione

Questo è il romanzo delle prime volte per la sottoscritta: la prima volta che entro in contatto con la scrittura e le opere di Luca Bianchini e la prima volta che assaporo la lettura di un romanzo attraverso gli audio libri.

Ho voluto provare anche io il mondo immenso degli audio libri, ne ho sempre sentito parlare, anche se i giudizi sul prodotto sono molto contrastanti: c’è chi ne parla bene e chi ne parla male. Ho scelto quindi di non lasciarmi condizionare ulteriormente e di provare anche io questa esperienza. Che dire: posso in linea di massima ritenermi soddisfatta, anche se ci sono alcuni ma, alcune piccole note che voglio condividere con voi. Punto primo: il catalogo dal quale poter scegliere gli audio libri da ascoltare. Io ho utilizzato l’applicazione di Amazon, ma la lista delle nuove uscite l’ho trovato molto riduttivo, anche se ci sono comunque moltissimi titoli tra cui scegliere. Punto secondo: l’approccio alla lettura. L’ascolto del romanzo non è riuscito a convincermi pienamente. Indubbiamente ascoltare un libro è comodo: ti basta mettere due cuffiette nelle orecchie, schiacciare play ed il gioco è fatto. Ma a questa facilità si accompagna un’altrettanta facilità di distrazione. Nonostante l’interpretazione di Bianchini nella lettura sia stata impeccabile, non sono riuscita ad immergermi completamente nella storia, come mi succede quando leggo normalmente un libro. Ma accantoniamo per il momento il giudizio sugli audio libri e dedichiamoci invece al romanzo vero e proprio.

La storia che ci racconta Bianchini ci riporta indietro nel tempo, negli anni sessanta. La sua è una storia d’amore che ci tiene compagnia dall’inizio alla fine del romanzo e che percorre in lungo ed in largo tutta l’Italia. Al centro della narrazione troviamo l’amore tra Angela e Pasquale: lei una diciannovenne triestina, lui un jensinaro che è salito al nord per cercar fortuna. Il loro è un amore a prima vista, un amore coinvolgente, un sentimento che sembra non conoscere ostacoli di nessun genere. Ma la realtà è ben diversa da come può apparire a prima vista; Pasquale Spadafora nasconde un segreto: è già sposato. E quando la giovane Angela scopre di aspettare un bambino da Pasquale non può far altro che pregare che il nascituro sia un maschio: solo in quel caso il futuro padre sarà disposto a riconoscere il figlio come suo. Ma si sa, le cose non vanno mai come vorremmo ed, al posto di un bel maschietto, Angela porta alla luce Emma.

La trama di questo romanzo è davvero complessa, fatta di innumerevoli intrecci e di storie che si mescolano tra di loro: al centro di tutto però resta Emma, che fa da fulcro all’intero racconto. Un libro ricco di sentimenti ed emozioni che ci porta a scoprire i complessi rapporti familiari che legano i personaggi. Al di la della trama, molto coinvolgente e studiata nelle sue innumerevoli sfaccettature, quello che secondo me si apprezza maggiormente in questo romanzo sono i personaggi. A tal proposito vorrei soffermarmi principalmente sulle due donne: Angela e Emma, madre e figlia. Emma, come vi scrivevo prima, è il fulcro del romanzo. Seguiamo tutta la sua crescita: dal suo essere bambina, al suo essere ragazza e donna poi, fino al suo essere moglie e madre. Un percorso lungo il suo, costellato da innumerevoli sofferenze e dalla continua ricerca di attenzioni da parte di Angela. Una bambina cresciuta senza un padre, in costante ricerca di accettazione da parte della madre, disposta ad essere anche quello che non è pur di ricevere un briciolo di affetto materno, ma con alle spalle l’amore della famiglia Pipan, composta dai nonni e dagli innumerevoli zii. Una ragazza caparbia, che nonostante tutte le avversità non demorde cerca di costruirsi la sua vita. Una ragazza tosta. Angela invece, potremmo definirla come il suo opposto, l’atro lato della medaglia. Una donna fragile, incapace di assumersi le sue responsabilità; una donna che preferisce scappare lontano da tutto e tutti piuttosto che affrontare la vita di petto. Una donna legata al ricordo di un amore impossibile, che non sembra essere in grado di voltare pagine e mettere una pietra sopra il suo passato.

A questi personaggi si accompagna una narrazione fluida e molto scorrevole. Mano a mano che procedevo con l’ascolto dell’audio libro, dentro di me cresceva la voglia di saperne ancora di più, di scoprire dove il cuore avrebbe portato le donne della famiglia Pipan, quale direzione gli avrebbero indicato.

So che un giorno tornerai è un libro che parla di sentimenti, e lo fa con il cuore.


Romanzi di Luca Bianchini

  • Instant Love, 2003
  • Ti seguo ogni notte, 2004
  • Eros. Lo giuro, 2005
  • Se domani farà bel tempo, 2007
  • Siamo solo amici, 2013
  • La cena di Natale di “io che amo solo te”, 2013
  • Dimmi che credi al destino, 2016
  • Nessuno come noi, 2017
  • So che un giorno tornerai, 2018

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...